The Daily, nasce oggi una nuova generazione di quotidiani

di - 2 febbraio 2011

the-dailyEDITORIA  –  E’ stato appena presentato al Guggenheim Musem di New York  il primo quotidiano digitale, per iPad: The Daily. Imperdibile il video: una lezione di editoria, di giornalismo e di innovazione.

The Daily è realizzato specificamente per l’iPad, ed è fatto di solo giornalismo (multimediale): senza tonnellate di carta, senza rotative da milioni di dollari, senza convogli notturni di Tir e senza punti vendita.

Cosa rappresenta il Daily?
Il Daily non è solo «il primo quotidiano per iPad» (Ansa), ma il primo di una nuova generazione di quotidiani, più performanti per il lettore e più accessibili a nuovi editori, con tre punti di forza.

Costi di produzione
Costi di produzione ridotti al core business, che è l’informazione e che sono i giornalisti. Niente milioni in carta e rotative. Niente trasporti, distributori e giornalai, che assorbono più del 50% del costo copia. Ovvero: la possibilità di entrare sul mercato senza grandi capitali e senza costi d’esercizio milionari.
In pratica, la possibilità di entrare nel mercato con il 75% in meno di capitali e di costi.

Copyright
Con l’iPad l’editore ha la possibilità di far pagare le copia come in edicola, grazie alla piattaforma  che protegge il copyright. In questo, l’Apple ha semplicemente replicato la formula di straordinario successo (e fatturato) di iTunes. Come noto, iTunes è un sistema integrato hardware e software che ha risolto tutta una serie di esigenze in conflitto, mentre le case discografiche inseguivano la pirateria o tassavano (in Italia), Cd e duplicatori, e poi anche le memorie.
Analogamente nell’editoria. Mentre gli editori piangono la crisi e in Italia chiedono sovvenzioni o balzelli, l’Apple replica un modello che era già sotto gli occhi di tutti: l’edicola virtuale.

Pubblicità
Un altro argomento di depressione degli editori è la progressiva perdita di pubblicità, a favore di altri media. Su questo fronte, l’iPad e i modelli che seguiranno, hanno la possibilità di invertire la tendenza e offrire ai pubblicitari gli stessi vantaggi del web: pubblicità interattiva e controllo numerico dei risultati. Meglio della televisioni.

I dettagli
Contrariamente a molti siti web di informazione,  The Daily non verrà aggiornato né in continuo (come le agenzie), né una volta al giorno (come i quotidiani), La formula è ripresa dai telegiornali Sky: solo poche volte al giorno) e verrà consegnato sull’iPad automaticamente ogni mattina attraverso l’edicola elettonica della Apple, iTunes.
In redazione, giornalisti noti e blogger.
I prezzi di lancio sono decisamente competitivi: il Daily costa 14 centesimi al giorno, o 99 centesimi la settimana, con scaricamento automatico sull’iPad.
Vedi il video della presentazione (9 minuti, con 6 secondi di pubblicità iniziale).

The-Daily-pagine-interne

Lo scorrimento delle pagine del The Daily sull'iPad

.
Altro che quotidiani in Pdf
Il Daily offre al lettore un’esperienza informativa che raccorda multimedialità e social network: video, animazioni, commenti audio, notizie da Twitter, condivisioni su Facebook, e persino informazioni geolocalizzate. Questo è il nuovo modo di fare editoria (altro che Pdf).
.
Cosa succederà nei prossimi mesi?
Visto il successo dell’iPad, che avrebbe già reso 8 miliardi di dollari all’Apple (14,8 milioni di iPad nel 2010), tutti i concorrenti di Apple stanno ultimando il lancio di tablet concorrenti e quest’anno il mercato dovrebbe arricchirsi di nuovi modelli da Samsung, Sony, Dell, Hewlett-Packard e Acer.
Così, nel secondo semestre di quest’anno, per i giornali si svilupperà un secondo mercato digitale, su una pluralità di devices, com’è stato per la musica, con l’Mp3.

Rosa Antonella e staff

Print Friendly

- Redazione

Sei su FirstMaster Magazine - Laboratorio professionale per i corsi online di giornalismo, editoria e comunicazione di FirstMaster (v. FirstMaster) - Sei libero di pubblicare gratuitamente questo articolo, senza modificarlo e a condizione che tu ne attribuisca la realizzazione all'autore e a FirstMaster (editore).

Commento

  1. Angela Silvestri

    6 febbraio 2011 at 12:25

    Nel campo televisivo la pubblicità arriva ad influenzare pesantemente il palinsesto.
    Forse il problema si riproporrà anche per l’iPad e i prodotti editoriali che ospita.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.