Citizen journalist, giornalismo e agenzie stampa

di - 13 luglio 2013
citizen-journalist

Che il giornalismo partecipativo, dal basso o citizen journalism sia già una realtà di fatto è ormai acclarato: una grossa parte della Rete si muove ormai in questa direzione ed è ormai chiaro che la partecipazione delle masse è quello che riesce veramente a fare la differenza tra Internet e gli altri media. (…)
Ma una cosa in particolare sembra prestarsi particolarmente per far funzionare la partecipazione online: il giornalismo.

Grazie alle nuove tecnologie e soprattutto alle nuove forme di scambio file tramite piattaforme mobili, l’invio di foto, filmati o semplice testo non è più legato alla presenza di un computer o di una connessione via cavo: ormai siamo liberi di “postare” quello che vogliamo da dove vogliamo ed ovunque vogliamo.
Grazie alla possibilità di far muovere i dati e le informazioni in ogni direzione e da ogni situazione ecco nascere gli scoop giornalistici, le vere news, direttamente dalla gente. (…)

Ormai sembra che il tempo delle agenzie di stampa come fonte di notizie fresche si stia esaurendo o almeno che si stia esaurendo il principio secondo il quale debbano e possano essere le uniche fonti informative veloci e preparate.
Diciamo che grazie al citizen journalism il fulcro dell’informazione si è spostato dalle grandi agenzie alla persona della strada.

Da Il futuro del giornalismo è qui e si chiama “Citizen Journalism”, di Rudy Bandiera

A c. di O.P. & staff

Print Friendly

- Redazione

Sei su FirstMaster Magazine - Laboratorio professionale per i corsi online di giornalismo, editoria e comunicazione di FirstMaster (v. FirstMaster) - Sei libero di pubblicare gratuitamente questo articolo, senza modificarlo e a condizione che tu ne attribuisca la realizzazione all'autore e a FirstMaster (editore).

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.