Come fare fundraising e crowdfunding

di - 15 gennaio 2014
finanziamenti-editoria

Come dovrebbe agire il fundraiser nei canali digitali? E come può un’impresa promuovere i suoi interessi commerciali, passando dal prodotto all’anima, e avere così anche un impatto sociale?

Ce lo spiega un noto professionista, Lorenzo Catapano (responsabile Digital Media di Save The Children), intervistato da Rosanna Perrone, per ninjamarketing.it.
Scopo dell’intervista è di farci spiegare nel dettaglio le strategie di comunicazione e marketing legate alla cultura d’impresa e al management per il fundraising, per comprendere meglio alcuni strumenti per il fundraising, il Cause Related Marketing e gli interessi per le imprese e le organizzazioni in genere.
L’intervista è molto interessante e tocca principalmente queste questioni:

1) Perché ogni organizzazione, anche molto piccola, dovrebbe puntare ai canali digitali per le proprie attività di fundraising?
2) Come dovrebbe essere l’approccio del fundraiser alle risorse online e social network per il fundraising?
3) Sempre rispetto ai social media, cosa consigli di fare per avviare una campagna di raccolta fondi efficiente?
4) Se dovessi scegliere un social network, uno, per comunicare il tuo progetto, quale useresti e perché?
5) Ci aiuti a capire meglio cosa vogliono dire espressioni come “Corporate Sociale Responsability” e “Cause Related Marketing”?
6) Come si può aiutare una Pmi ad utilizzare questi strumenti, finanziando sì una Causa ma promuovendo al contempo le proprie attività commerciali?
7) Cosa pensi delle piattaforme di crowdsourcing, utili sia a creare un proprio progetto che condurre da soli una piccola campagna di raccolta fondi per finanziarlo?
8) C’è qualcosa per cui, secondo te, dovremmo imparare a stare attenti quando decidiamo di preferire queste risorse online?
9) Da fundraiser professionista, come si sceglie la Buona Causa? E da potenziale donatore?

Recensione e ricerca a c. di Umberto Novi

Lorenzo_Catapano-crowdfundingLeggi tutto su:
PARTE 1
Digital fundraising e marketing sociale: come si dirige una campagna efficac
e  
PARTE 2
Digital fundraising e marketing sociale: come si dirige una campagna efficace
  

Leggi anche:
Con il fundraising puoi finanziare i tuoi progetti (o trovare opportunità di lavoro).
Come orientarci sullo stato attuale del fundraising in Italia, tra protagonisti, obiettivi, pregiudizi culturali e nuove possibilità professionali.

5 piattaforme per il crowdfunding
Alcune delle migliori piattaforme di crowdfounding in ambito sociale e no-profit.

 

Print Friendly

- Redazione

Sei su FirstMaster Magazine - Laboratorio professionale per i corsi online di giornalismo, editoria e comunicazione di FirstMaster (v. FirstMaster) - Sei libero di pubblicare gratuitamente questo articolo, senza modificarlo e a condizione che tu ne attribuisca la realizzazione all'autore e a FirstMaster (editore).

Commento

  1. Luisa Marchegiani

    10 giugno 2015 at 06:50

    Oggi, in Italia, il crowdfunding muove più di 50 milioni di euro attraverso circa 50 piattaforme: nel 2012 i milioni erano 13 e 30 nel 2014. E il fenomeno è destinato a crescere. In cambio dell’offerta, si riceve ciò che il progettista intende offrire: nulla (come nel caso del donation based crowdfunding), una ricompensa non monetaria – dal ringraziamento verbale al gadget, al prodotto che sarà realizzato – (reward based), il pagamento degli interessi sui prestiti (social landing) oppure i profitti generati generati dall’iniziativa (royalty based).

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.