Digitale-carta: 2 a 1 in Germania

di - 12 marzo 2013

Amburgo – Mathias Döpfner, Ceo di Axel Springer, il più grande editore europeo  (Bild, Die Welt e decine di altri periodici), ha annunciato ieri il sorpasso delle attività online su quelle tradizionali e l’intento di «accelerare la trasformazione di tutto il Gruppo editoriale» Axel Springer perché le edizioni digitali ormai rendono più delle edizioni stampate.

Il Gruppo Axel Springer ha chiuso il bilancio 2012 con un fatturato e un utile operativo record. A contribuire al risultato in particolare il settore online, dove il margine operativo lordo e’ salito addirittura del 54% e il fatturato del 22%, superando per la prima volta la carta stampata che è diminuito del 3,3% (1,17 miliardi di euro contro 1,12). 
Attualmente dalla rete arriva il 37% del fatturato totale e Springer punta a crescere ancora nell’offerta on-line, per diventare «l’impresa mediatica leader nel digitale», ha spiegato Doepfner in conferenza stampa.

Francesco Colombo & staff
Fonte: Borsa.
Link:  Axel Springer (Wikipedia)

 

 

 

Print Friendly

- Redazione

Sei su FirstMaster Magazine - Laboratorio professionale per i corsi online di giornalismo, editoria e comunicazione di FirstMaster (v. FirstMaster) - Sei libero di pubblicare gratuitamente questo articolo, senza modificarlo e a condizione che tu ne attribuisca la realizzazione all'autore e a FirstMaster (editore).

Commento

  1. Dinca

    7 maggio 2013 at 11:12

    (AGI/AFP) – Francoforte, 7 mag. – Il gruppo editoriale tedesco Axel Springer, che pubblica il diffusissimo quotidiano popolare ‘Bild’, ha chiuso il primo trimestre con un utile netto di 72,3 milioni di euro, in crescita del 5,6% rispetto all’analogo periodo dell’esercizio precedente. La crescita e’ legata soprattutto alla buona performance del comparto dei media digitali, diventati la prima fonte di introiti del gruppo. I ricavi sono cresciuti dell’1,8% a 803,6 milioni. L’Ebitda e’ pero’ sceso del 3% a 132,4 milioni e, secondo l’azienda, e’ destinato a calare di un 9% complessivo nell’intero 2013, a causa anche della contrazione del settore della carta stampata.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.