Editoria, con i libri digitali s’impara meglio

di - 1 giugno 2012
editoria-digitale-manuali

 

Il Department of Education dell’Amministrazione Obama ha davanti a sé un rapporto, Mastery Learning, dai risultati significativi: se in una classe tradizionale il 50% degli studenti supera il livello di sufficienza al primo colpo, nell’equivalente online i promossi salgono all’84%.

La conclusione è che ‘editoria digitale, contrariamente alle apparenze può essere più umana perché lo studente modula autonomamente tempi e dosi di apprendimento secondo le sue capacità.
Non è costretto a subire i ritmi decisi da altri, può ripetere  (senza imbarazzo) se non ha capito o se è stato poco attento e ricominciare daccapo finché non ha assimilato.

Infine il libro interattivo può sgravare i docenti dalle attività di base e consentire di concentrarsi sul dibattito, il commento critico, la ricerca.
Su queste prospettive puntano tutti, e s’è visto alla Fiera del Libro di Torino: Mondadori, Rizzoli, Feltrinelli, Gems.

A.c. Paola Micoperi

Print Friendly

- Redazione

Sei su FirstMaster Magazine - Laboratorio professionale per i corsi online di giornalismo, editoria e comunicazione di FirstMaster (v. FirstMaster) - Sei libero di pubblicare gratuitamente questo articolo, senza modificarlo e a condizione che tu ne attribuisca la realizzazione all'autore e a FirstMaster (editore).

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.