Giornalismo d’inchiesta, nasce la rete dei reportage

di - 8 gennaio 2014
Irpi-giornalismo-investigativo-inchiesta

Come fare giornalismo d’inchiesta con la copertura dell’italianissima IRPI, per edizioni di tutto il mondo.

Cecilia Anesi, giornalista e presidente dell’Irpi (Investigative Reporting Project Italy – irpi.eu), è stata intervistata pochi giorni or sono da Paolo Curreli (La Nuova Sardegna), sull’Irpi e sulle condizioni del giornalismo d’inchiesta.

L’Irpi è un’associazione di giornalisti investigativi che sta sperimentando nuovi modelli di distribuzione del giornalismo investigativo.
Dall’Irpi partono servizi di giornalismo investigativo locale e transnazionale su diversi argomenti. I servizi si estendono dalla forma testuale a quella multimediale. Di recente, l’Irpi ha lanciato una piattaforma in rete che si chiama Irpileaks, grazie al centro studi Hermes per la trasparenza e i diritti umani, che permette di inoltrare segnalazioni anonime tutelando la fonte. Sarà poi il board di giornalisti a vagliare le segnalazioni e a sviluppare delle inchieste sui temi ritenuti di rilevanza pubblica e sulle notizie attendibili.

Secondo la Anesi «è chiaro che il pubblico non vuole solo le storie di Belen, è interessato anche a quelle che gli forniscono informazioni sul mondo in cui vive. L’esempio del nostro lavoro sull’olio è esemplare, sicuramente anche la mitica casalinga di Voghera è interessata al tema».
A c. di Aurelio Girolamo & staff Firstmaster Magazine

Leggi tutto su News dal mondo, nasce la rete dei reportage

 

Print Friendly

- Redazione

Sei su FirstMaster Magazine - Laboratorio professionale per i corsi online di giornalismo, editoria e comunicazione di FirstMaster (v. FirstMaster) - Sei libero di pubblicare gratuitamente questo articolo, senza modificarlo e a condizione che tu ne attribuisca la realizzazione all'autore e a FirstMaster (editore).

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.