Giornalismo e lacrime di coccodrillo

di - 29 luglio 2013

“Per i quotidiani italiani qualunque fatto importante accada nel mondo è solo rumore di fondo. Si racconta una politica che si nutre di baruffe polverose”. 

Così scrive Roberto Saviano su l’Espresso di questa settimana. Come dargli torto?
Per Saviano la grande stampa quotidiana «tratta l’Italia come un luogo che non può sopportare confronti e gli italiani come interessati solo a quel che accade a un palmo dal loro naso». (…)
E continua: «esemplare, a questo proposito, la descrizione delle priorità dell’informazione. Chi ha modo di leggere quotidiani stranieri si renderà facilmente conto che i “fatti di casa”, nella foliazione, giungono ben dopo, come insieme inferiore, rispetto ai fatti del mondo, insieme maggiore.

Questo, va da sè, non vuol dire che i media in Spagna, Germania o Inghilterra siano meno attenti a ciò che avviene in casa loro. Ai lettori, in questi paesi, non verrà mai in mente di dire “pensiamo piuttosto a quel che avviene qui da noi”. (…) E qualunque tragedia o importante fatto accada nel globo, qualsiasi evoluzione degli equilibri economici e politici mondiali, sono solamente rumore di fondo, che se proprio è necessario commentare lo si potrà sempre fare utilizzando antiche e usurate categorie»

Tutto giusto, quindi. Però si può notare che proprio la Repubblica (il quotidiano del Gruppo Espresso), presenta sempre le “baruffe polverose” della micro politica italiana come grandi notizie (vedi foto sotto). Non diversamente dal Corriere e dagli altri quotidiani nazionali.
Critiche o piuttosto autocritiche come quelle di Saviano sono frequenti sulla stampa quotidiana italiana, ma non cambia nulla, per tanti brutti motivi strutturali, noti a tutti (da molto tempo anche alla maggior parte dei lettori, non solo da noi del settore). Così, per compensare l’inconsistenza delle notizie da dare in prima pagina, si alza il tono dei titoli, roboanti sul nulla, proprio come scrive Saviano.
Ecco allora le tempeste in un bicchier d’acqua di questi ultimi giorni sui nostri due principali quotidiani: 

  • “governo sotto assedio“, 
  • bufera su Alfano”, 
  • “Pdl in trincea“, 
  • rissa Pd-Pdl”, 
  • “Pd nel caos“, 
  • battaglia nel governo”.

Ernesto Vinci & staff

 

giornalismo-italiano-Saviano-Corriere-della-Sera-sotto assedio
giornalismo-italiano-Saviano-la-Repubblica-Bufera su Alfano
giornalismo-italiano-Saviano-la-Repubblica-rissa pd pdl
giornalismo-italiano-Saviano-Corriere-della-Sera-caos-autogol
giornalismo-italiano-Saviano-la-Repubblica-battaglia per Iva

Su questo tema, leggi anche Giornalismo italiano e inglese, confronto a Londra.

Print Friendly

- Redazione

Sei su FirstMaster Magazine - Laboratorio professionale per i corsi online di giornalismo, editoria e comunicazione di FirstMaster (v. FirstMaster) - Sei libero di pubblicare gratuitamente questo articolo, senza modificarlo e a condizione che tu ne attribuisca la realizzazione all'autore e a FirstMaster (editore).

3 Comments

  1. Gianni-C.

    30 luglio 2013 at 09:06

    Anche oggi Repubblica pesca basso con questo titolo in prima pagina “La folle corsa del bus della morte“, .

  2. C.Chioggia

    31 luglio 2013 at 08:19

    Umberto Eco, in ultima pagina dello stesso numero dell’Espresso, scrive: “non è male vedere ogni tanto, su quanto accade oggi, il baluginio della Storia“, volendo dire che occorre documentarsi prima di scrivere un articolo.
    L’articolo si riferisce alla mancanza di nozioni storiche dei vari giornalisti che commentano i primi discorsi di Papa Francesco. Una mancanza che distorice l’interpretazione dei suoi atti.

  3. Pingback: Giornalismo: ma che professionisti abbiamo? – Il magazine di FirstMaster

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.