Giornalismo? “E l’ultimo spenga la luce”…

di - 2 marzo 2013

Madrid – Il mestiere del giornalismo, come è stato conosciuto fino ad ora, non sarà più lo stesso.  Questo ha detto ieri Lluís Basset, vice direttore di El Pais, alla presentazione del suo ultimo libro: “E l’ultimo spenga la luce. A proposito della fine del giornalismo”, al Colegio de Periodistas de Cataluña.

Basset è convinto che chi vuole continuare la professione giornalistica dovrà prendere in considerazione un cambiamento nel modo di lavorare o cambiare radicalmente lavoro. E aggiunge: «Quello che mi addolora è che nutriamo nostalgia: dobbiamo girare pagina sul dibattito assurdo della sopravvivenza o meno del quotidiano, è cosa certa, la prossima fase sarà interamente digitale, ciò che è urgente ora è come trovare le risorse per praticare un giornalismo di altissimo livello in ambienti nuovi»

Secondo Bassets, la chiave della soluzione è nel dare informazioni di qualità ma incombono due pericoli, riferibili al giornalismo pagato o sponsorizzato da governi (tipo Al Jazeera o la CCTV cinese), dalla politica o da grandi società (fondi di investimento, petrolio …).

Leggi tutto su El Pais – El periodismo fosforescente.
Amazon: “E l’ultimo spenga la luce. A proposito della fine del giornalismo“.

 U.G. & staff

 

Print Friendly

- Redazione

Sei su FirstMaster Magazine - Laboratorio professionale per i corsi online di giornalismo, editoria e comunicazione di FirstMaster (v. FirstMaster) - Sei libero di pubblicare gratuitamente questo articolo, senza modificarlo e a condizione che tu ne attribuisca la realizzazione all'autore e a FirstMaster (editore).

Commento

  1. Leonardo65

    6 marzo 2013 at 10:14

    L’ARIA CHE TIRA NEI GIORNALI di Antonio Padellaro, oggi sul Fatto

    “E che dire del calvario serale di tanti giornaloni quando ogni notizia che possa anche lontanamente disturbare qualche potente viene pubblicata se anche gli altri la danno, realizzando una sorta di malinconico alibi collettivo.
    Cos’è che intimidisce tanto stampa e televisione? I bilanci in rosso dei grandi gruppi editoriali?”

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.