Sempre più “mobile” l’editoria digitale

di - 7 agosto 2011
informazione-mobile

informazione-mobileL’arrivo a settembre di nuovi tablet che permettono di collegarsi alla rete ovunque ci si trovi, cambiarà ulteriormente lo scenario dell’editoria digitale, che sarà sempre più condizionata da cellulari e tablet.
Su questo tema si è tenuto ad Ascoli Piceno l’ultimo convegno nazionale dell’Anso (Associazione Stampa On Line), dal titolo “Mutazione Digitale, dal Web al Mobile l’Informazione Cambia Pelle”.

L’informazione… nomade
Vittorio Pasteris, noto giornalista, blogger e docente presso l’Università di Torino, che ha delineato nella sua relazione il concetto di “informazione nomadica”, cioè di un’ informazione che si muove seguendo gli spostamenti dell’utente. Le caratteristiche ed i vantaggi dell’informazione nomadica sono la possibilità di essere informati in qualsiasi momento e con celerità in qualsiasi luogo ci troviamo.
I pagamenti
Del lato economico relativo all’informazione mobile si è occupato Gianluca Stefanini, Business Development Manager di Vodafone, spiegando come la sua azienda si stia muovendo per creare una piattaforma sempre più veloce e semplice di micropagamenti delle app. Ad esempio utilizzzando anche il numero di telefono dell’utente come codice di autenticazione per l’acquisto di servizi digitali.
Case history: rich media e geolocalizzazione
Cesare Buquicchio, capo servizio de L’Unità On Line ha illustrato l’app per I-Pad del proprio giornale, una delle più apprezzate, perché il quotidiano è stato ripensato per i nuovi devices: infatti oltre a poter essere sfogliato, come un supporto cartaceo tradizionale, sono stati introdotti elementi nuovi, come i video e i blog dei lettori. Inoltre c’è la possibilità di ragionare anche in un’ ottica di palinsesto, con una vera e propria programmazione dei contenuti del giornale che cambiano lungo il corso della giornata. Così i confini tra informazione stampata e informazione multimediale diventano sempre più labili.

Marco De Dominicis ha presentato il progetto PaginaLocale. Si tratta di un app per I-Pad che permette di leggere, premendo un solo tasto, le notizie locali della zona in cui ci si trova.
E’ il compimento del concetto di geolocalizzazione dell’informazione, nato attraverso la sovrapposizione dei siti che si occupano di notizie locali con le mappe di Google.

Proprio sulle possibiltà di aiuto che il grande motore di ricerca può dare oggi alla diffusione delle notizie on line è intervenuto Gino Mattiuzzo, Straregic Partner di Google, che ha illustrato alcune innovazioni già utilizzabili in rete: Youtubedirect, una piattaforma da integrare sul sito del giornale on line, attraverso la quale i lettori possono pubblicare i loro video e foto, partecipando quasi direttamente all’edizione del notiziario, Google Maps, per geolocalizzare le notizie presenti sul sito, Goole Translate, l’applicazione di traduzione immediata delle notizie.

A cura di Luca Marzotto

 

 

Print Friendly

- Redazione

Sei su FirstMaster Magazine - Laboratorio professionale per i corsi online di giornalismo, editoria e comunicazione di FirstMaster (v. FirstMaster) - Sei libero di pubblicare gratuitamente questo articolo, senza modificarlo e a condizione che tu ne attribuisca la realizzazione all'autore e a FirstMaster (editore).

Commento

  1. g.salini4

    7 agosto 2011 at 15:42

    La concorrenza costringe i quotidiani a fare sempre meglio sui tablet. A qualche mese dall’arrivo dell’iPad, Wired ha stilato una classifica di quelli italiani:
    http://gadget.wired.it/reviews/applicazioni/2011/06/04/top-10-app-i-quotidiani-su-tablet.html

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.