Giornalismo urlato, Michele Serra dice che…

di - 21 marzo 2012
corsi-di-giornalismo-online-gratis

Parte da Repubblica l’appello di Michele Serra per un giornalismo meno urlato e più rispettoso verso i lettori.

 

Parte proprio dalle colonne di Repubblica, che di titoli urlati o esagerati ha sempre fatto grande uso, l’appello di Michele Serra per un giornalismo meno urlato e più rispettoso verso i lettori.
Scrive Michele Serra nella sua rubrica: «Che dire di un giornalismo per il quale ogni dissidio diventa “rissa”, ogni inciampo diventa “rottura”, e per speziare il suo minestrone quotidiano abusa di” proposte shock”, “dichiarazioni shock”, “notizie shock”, come se l’opinione pubblica fosse sordastra e solo l’urlaccio nelle orecchie potesse attirare la sua attenzione?

A che servono, poi, le pazienti ricostruzioni, le schede tecniche, le inchieste che sviscerano e spiegano, se la confezione e quasi sempre un titolaccio “shock”, se i titoli dei telegiornali (che danno il là all’intero coro mediatico, anche quello di carta) si fabbricano con i cocci di frase raccattati nei corridoi?
Sono i media grossolani a costruire un pubblico superficiale. L’alibi, poi, è accusare il pubblico di essere superficiale».

(Michele Serra, La Repubblica, 15/03/2012)

A. c. Giovanni Borsalino & staff 

Link Wikipedia: Michele Serra

giornalismo_urlato

Print Friendly

- Redazione

Sei su FirstMaster Magazine - Laboratorio professionale per i corsi online di giornalismo, editoria e comunicazione di FirstMaster (v. FirstMaster) - Sei libero di pubblicare gratuitamente questo articolo, senza modificarlo e a condizione che tu ne attribuisca la realizzazione all'autore e a FirstMaster (editore).

3 Comments

  1. Amanda72

    22 marzo 2012 at 18:12

    Bella trovata il filtro di Photoshop che fa sembrare ancora più arrabbiati i due.

  2. Giorgio Russo

    26 marzo 2012 at 09:06

    Mi fa piacere trovare un alleato come Serra se ritiene che il giornalismo sia una grande cosa, ma i giornalisti e i loro “grandi” giornali siano ben poca cosa (a parte Il Fatto, e qualche copia del Secolo IXI e della Stampa)
    ;-)

  3. Pingback: Il giornalismo tra scoop, bugie e mezze verità – Il magazine di FirstMaster

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.