YouTubeInvestigative

Il giornalismo investigativo su YouTube

Al via YouTubeInvestigative? Dopo tre anni YouTube tenta nuovamente la via dell’informazione giornalistica con YouTubeInvestigative (o YouTube  Investigative).
 Infatti, notizie non smentite danno YouTube in trattative con il Center for Investigative Reporting di Berkeley (USA), per realizzare una piattaforma che dovrebbe chiamarsi, appunto, YouTubeInvestigative. Lo scopo è di fornire alle emittenti televisive, ai siti web e ai giornali multimediali contenuti originali, realizzati sul posto, da professionisti e, naturalmente, da “reporter” occasionali.

Il Center for Investigative Reporting è una piccola realtà del giornalismo investigativo (35 operatori), molto al di sotto degli interessi di un gigante mondiale come YouTube, disinteressato a tutto quanto sia sotto i nove zeri, ma è referenziata per indicare le migliori vie di sviluppo per YouTubeInvestigative: format, training, ecc. 

YouTubeInvestigative: una piattaforma aperta?

YouTubeInvestigative può allargare il mercato dell’informazione video, offrendo più scelta, più servizi e minor costo. In questo modo si prospetta come una nuova opportunità per videoreporter e citizen journalist di tutto il mondo.

YouTubeInvestigative può fare sharing ed e-commerce tra editori di ogni dimensione e videoreporter, su una piattaforma collaudatissima e già diffusa in modo capillare nel mondo, più di qualsiasi altra agenzia d’informazione. 

In sostanza, YouTubeInvestigative  potrà fornire contenuti originali a basso costo e anche lo streaming, visto che i  media non hanno convenienza a gestire internamente la diffusione di video (lo streaming, appunto). 
Il progetto YouTubeInvestigative è in corso. Ora aspettiamo gli sviluppi. 

Alfredo Cimarosa & staff

 

Vedi anche: Center for Investigative Reporting.

_____________________________________

• Vuoi essere il primo a commentare questa notizia?
• Vuoi segnalare un link utile su YouTubeInvestigative?

Print Friendly, PDF & Email

2 pensieri riguardo “Il giornalismo investigativo su YouTube

  1. L’impressione è che YouTube voglia fare con i video quello che i siti di microstock hanno già fatto con le foto: tutto facile, abbondante e conveniente, sia per chi vende che per chi compra.

Lascia un commento