I giornalisti, l’Odg e il nuovo che avanza

di - 22 aprile 2010
News-FirstMaster_Magazine

Ho ricevuto questa segnalazione. Un post di Francesco Federico su Appunti Digitali, titolato “Il giornalismo cambia, ma non cambiano i giornalisti”, dove dice:
«Per il giornalista professionista il fatto di essere iscritto è già di per sè un elemento che rende di qualità il proprio lavoro, anche se pessimo. Insomma, vecchio vizio italiano, non conta la qualità sostanziale del contenuto, ma conta la forma.

Ebbene io leggo spessissimo articoli di giornalisti professionisti (su note testate come Corriere e Repubblica) e vi trovo non solo gravi errori sostanziali, che dimostrano assoluta ignoranza del tema trattato, ma spesso anche errori grammaticali e sintattici a tal punto da chiedermi come possano aver passato l’esame di Stato.

Viceversa seguo molti blogger e trovo alcune loro riflessioni fini e raffinate, che dimostrano una profonda conoscenza dell’argomento e portano commenti e pareri nuovi, da cui prendere spunto per ulteriori idee. Che mi importa se hanno la tessera dell’Ordine o no?

Bisogna guardare la sostanza più di quanto si guarda la forma. Se un ragazzo di 18 anni è capace di scrivere un articolo sul fenomeno di Second Life meglio di un redattore iscritto all’Ordine, io faccio scrivere al ragazzo, che mi importa del titolo?

Vai al post di Francesco Federico, su Appunti Digitali.

Print Friendly

- Redazione

Sei su FirstMaster Magazine - Laboratorio professionale per i corsi online di giornalismo, editoria e comunicazione di FirstMaster (v. FirstMaster) - Sei libero di pubblicare gratuitamente questo articolo, senza modificarlo e a condizione che tu ne attribuisca la realizzazione all'autore e a FirstMaster (editore).

Commento

  1. Ida Marzo

    19 gennaio 2011 at 12:01

    I direttori con i loro giri di poltrone, i professionisti un tot a pezzo, e l’Ordine che non fa ordine: rottamiamoli!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.