‘Inchiesta sul potere’, le indagini di Giuseppe D’Avanzo, maestro di giornalismo

di - 24 agosto 2011
inchiesta-sul-potere-d'avanzo-repubblica

In vendita da questa mattina, con Repubblica, il libro ‘Inchiesta sul potere‘ a cura di Attilio Bolzoni e Leopoldo Fabiani.
Il libro raccoglie le inchieste più importanti di Giuseppe D’Avanzo, recentemente scomparso: dalla mafia al Nigergate, da Telekom Serbia alle dieci domande a Berlusconi. 

Per D’Avanzo, «un’inchiesta giornalistica è la paziente fatica di portare alla luce i fatti, di mostrarli nella loro forza incoercibile e nella loro durezza. Il buon giornalismo sa che i fatti non sono mai al sicuro nelle mani del potere e se ne fa custode nell’interesse dell’opinione pubblica»

Secondo Ezio Mauro, il metodo D’Avanzo «prevedeva al primo punto la passione. Passione giornalistica, passione per la vita e dunque per la libertà e la democrazia, quindi passione civile. Il suo metodo era l’opposto del quietismo, della conciliazione, del senso comune accettato e spacciato per realtà.»

Secondo Eugenio Scalfari, D’Avanzo «ha affrontato i temi che costituiscono l’ossatura nascosta del Paese, spesso segreta e addirittura criminale. I lettori troveranno in questo libro la coscienza d’un giornalista che ha onorato la nostra professione ed ha cercato per quanto poteva di migliorare uno sgangherato Paese.»

.

I contenuti di ‘Inchiesta sul potere’

Nel libro, le maggiori inchieste di D’Avanzo:

  • Il caso Gladio
  • Lo scandalo tangentopoli
  • La mafia (4 inchieste)
  • Telekom Serbia: la corruzione 
  • Telekom Serbia: la macchina del fango
  • L’impero di Putin
  • L’11 settembre (2 inchieste)
  • La guerra in Iraq
  • Il Nigergate  (4 inchieste)
  • Il rapimento di Abu Omar (2 inchieste)
  • Sismi. La fabbrica della pausa (2 inchieste)
  • Telecom. Le spie private (2 inchieste)
  • Noemi e la dieci domande (4 inchieste)
  • Ruby e le dieci bugie (4 inchieste)

Il volume contiene anche tre reportage di D’Avanzo:

  • Cercasi Marlboro disperatamente
  • Tra i ragazzi che dicono: «Siamo camorristi nella capa»
  • Nel paese dove i neri chiedono più Stato.

A. c. Giorgio Russo & staff
 

Link info Giuseppe D’Avanzo.

 

______________________________

• Vuoi essere il primo a commentare questa notizia?
• Hai un link da segnalare su questo tema?

Print Friendly

- Redazione

Sei su FirstMaster Magazine - Laboratorio professionale per i corsi online di giornalismo, editoria e comunicazione di FirstMaster (v. FirstMaster) - Sei libero di pubblicare gratuitamente questo articolo, senza modificarlo e a condizione che tu ne attribuisca la realizzazione all'autore e a FirstMaster (editore).

5 Comments

  1. MariaStar

    24 agosto 2011 at 11:02

    “Il buon giornalismo sa che i fatti non sono mai al sicuro nelle mani del potere e se ne fa custode nell’interesse dell’opinione pubblica”.
    Già, però lavorava a Repubblica.

  2. Giorgio Benedetti

    24 agosto 2011 at 16:14

    X MariaStar: quale altro editore poteva permettergli di fare inchieste? Panorama? La RAI?

  3. m@m

    24 agosto 2011 at 19:41

    Che strano, l’indice non c’è neanche sul sito di Repubblica-Espresso.

  4. Francesco Di Stella

    25 agosto 2011 at 08:48

    Il ricavato di “inchiesta sul potere” andrà alla famiglia? Non ne ho notizia.
    D’avanzo muore prematuramente a 51 anni. Basterebbe questo a stimolare una buona idea da parte della Direzione di Repubblica. Ma non è stato un incidente: è morto d’infarto. Il particolare lavoro che ha fatto per Repubblica non è indifferente alla sua morte. In 20 giorni Repubblica manda in edicola la ristampa delle sue inchieste più importanti e rischiose (si potrebbe dire “da infarto” se non fosse di cattivo gusto).
    Il ricavato andrà a Repubblica-Espresso o alla famiglia?

  5. Idem67

    26 settembre 2011 at 18:38

    ”«Lupacchiotti, siete pronti?». Era come un fratello maggiore, chiamato a svezzare una squadra di cronisti intraprendenti ma ancora acerbi”.

    ”lui pensava sempre in grande, facendo della curiosità il motore delle idee”

    ”Ricordo le ultime riunioni e le conversazioni notturne, discutendo del sito Inchieste che vedeva come il salto nel futuro. Il modo di fare rete, unendo le competenze e le conoscenze, facendo rimbalzare gli spunti dal centro alla periferia, senza accontentarsi delle versioni per inseguire un’ideale, quello della notizia. Il modo di trasformare impegno e rigore in un’idea nuova di giornalismo, più forte di qualunque potere.
    La sua ultima lezione, che adesso starà a noi dimostrare di sapere seguire. Grazie, Peppe.”

    Giuseppe D’Avanzo nel ricordo di Gianluca Di Feo, per Piovonorane.it

    http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2011/07/30/la-lezione-di-davanzo/

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.