Open Data al G8

di - 17 giugno 2013
News-FirstMaster_Magazine

Belfast – Uno dei temi del G8 in corso in Irlanda del Nord è quello degli open data, i dati non personali in possesso delle pubbliche amministrazioni, di particolare interesse per tutti gli operatori dell’informazione.
«Aprire i dati pubblici – ha detto il Commissario europeo responsabile per l’agenda digitale Neelie Kroes – significa aprire opportunità di business, creare posti di lavoro e costruire comunità».
Non solo: se non abbiamo accesso alla base dati di enti e pubbliche amministrazioni, siamo privati di una parte dei nostri diritti di cittadini e perdiamo una parte della democrazia possibile.

L’Open Data Census monitorizza gli Open Data misurandone l’applicazione in dieci aree: risultati elettorali, spese di governo, emissioni di sostanze inquinanti, statistiche nazionali e servizi ai cittadini. Secondo gli ultimi dati, emerge che a guidare la classifica dei paesi più aperti sono gli Stati Uniti e il Regno Unito, seguiti da Francia, Giappone, Canada, Germania, Italia e Russia. Insomma, l’Italia si posiziona solo al settimo posto su otto.

Link:
G8 Summit 
Open Data Italia 

Elisabetta Di Stefano & staff

 

 

Print Friendly

- Redazione

Sei su FirstMaster Magazine - Laboratorio professionale per i corsi online di giornalismo, editoria e comunicazione di FirstMaster (v. FirstMaster) - Sei libero di pubblicare gratuitamente questo articolo, senza modificarlo e a condizione che tu ne attribuisca la realizzazione all'autore e a FirstMaster (editore).

2 Comments

  1. Mannoni C

    17 luglio 2013 at 12:51

    Parole, parole, parole. Altro che 50.000 nuovi posti di lavoro.Se andiamo a guardare cosa sta accadendo sul fronte del riuso del dato (è questo l’elemento chiave degli Open Data), vediamo tante parole.
    Al momento, i dati disponibili non si prestano a progetti economicamente significativi. Neanche il data journalist trovano nuova materia di lavoro, perché i dati di cui avrebbero bisogno sono ancora “al chiuso” dov’erano 10, 20 e più anni fa, e i dati parziali valgono poco o nulla.

  2. Mannoni C

    17 luglio 2013 at 12:54

    Continuo. Negli Stati Uniti Open Data significa che i dati correntemente prodotti da enti e PA sono a disposizione. Cioè gli Open Data non sono un’attività in più e collaterale, come si sta avviando a fare la PA italiana, con i risultati immaginabili.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.