Premi: 2,7 milioni per il giornalismo online

di - 27 febbraio 2011
IPI

Vienna, 26/02/2011 –  Al via il bando dell’IPI News Innovation Contest, con un contributo di 2,7 milioni, offerto da Google. Per partecipare al contest è necessario inviare le proprie proposte entro il 1° giugno 2011 seguendo le indicazioni sull’apposito sito web. Secondo l’IPI (International Press Institute), il giornalismo è il punto di forza di una democrazia e l’innovazione digitale è quel che consente oggi alle informazioni di poter fluire ovunque nutrendo la voglia di sapere, e scoprire, in tutto il mondo. I fatti che stanno avvenendo nei paesi del nord-Africa sono la dimostrazione quotidiana tangibile di tutto ciò e Internet ha avuto in questi luoghi un ruolo di prim’ordine nell’organizzazione e nella comunicazione delle sommosse. La libertà di stampa non può prescindere però da risorse ed organizzazioni autonome sotto ogni punto di vista, e quindi forti nel proprio modo di proporsi sul mercato ed alle persone. Di qui la necessità di un nuovo giornalismo: è la base di ciò che si intenderà in futuro per “libertà”.

Il contest premia progetti in tre diverse categorie:
– Nuove Piattaforme
Comprende tutte le applicazioni innovative finalizzate a supportare i giornalisti nella verifica dell’affidabilità delle fonti delle notizie, offrendo così ai cittadini accesso a informazioni veritiere e attendibili, elemento fondamentale di qualsiasi democrazia;
– Sostenibilità
Comprende le proposte relative a modelli economici in grado di individuare nuove fonti di guadagno e/o di suggerire metodi per l’ottimizzazione dei costi per i media digitali;
– Formazione
Comprende i progetti che sostengono l’eccellenza giornalistica mediante la formazione di giornalisti esperti di online.

Fondata nel 1950 presso la Columbia University di New York, l’International Press Institute è una delle più antiche organizzazioni mondiali per la difesa dei diritti dell’uomo e oggi è un network globale di editori e giornalisti impegnati nella promozione e difesa della libertà di stampa, nella protezione della libertà d’opinione e d’espressione, nella tutela della libera circolazione delle notizie e dell’informazione e nel miglioramento della professione giornalistica.In collaborazione con il Poynter Institute, lo scorso settembre l’IPI ha presentato il rapporto “Brave News Worlds”, nel quale 42 autori di nazionalità diverse hanno condiviso prospettive, dubbi e visioni sul futuro dell’informazione. Il rapporto è alla base della nuova iniziativa IPI News Innovation Contest.Link per la partecipazione
Martino Sella & staff

Print Friendly

- Redazione

Sei su FirstMaster Magazine - Laboratorio professionale per i corsi online di giornalismo, editoria e comunicazione di FirstMaster (v. FirstMaster) - Sei libero di pubblicare gratuitamente questo articolo, senza modificarlo e a condizione che tu ne attribuisca la realizzazione all'autore e a FirstMaster (editore).

Commento

  1. Giorgio Russo

    28 febbraio 2011 at 12:56

    Non ci sono link!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.