Pubblicità e donne, si cambia?

di - 7 febbraio 2011
human-meat-pubblicità-negativaPUBBLICITA’ Per inibire nella pubblicità «l’utilizzo di immagini volgari, offensive, lesive della dignità femminile», è stato sottoscritto la scorsa settimana un accordo tra Ministero per le Pari Opportunità e il presidente dell’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria.
Il Protocollo, che avrà la durata di due anni a partire dalla sua data di sottoscrizione, impegna le parti a collaborare per fare in modo che i pubblicitari adottino regole di autodisciplina più stringenti.
Le principali norme di autoregolamentazione impongono che le pubblicità:
1 – non contengano immagini o rappresentazioni di violenza contro le donne o che incitino ad atti di violenza sulle donne;
2 – tutelino la dignità della donna, rispettando il principio di pari opportunità e diffondendo valori positivi sulla figura femminile;
3 – siano attenti alla rappresentazione dei generi e rispettosi delle identità di donne e uomini;
4 – evitino il ricorso a stereotipi di genere;
5 – a rafforzare l’applicazione del divieto di utilizzare l’immagine della donna in modo offensivo o discriminatorio.
Print Friendly

- Redazione

Sei su FirstMaster Magazine - Laboratorio professionale per i corsi online di giornalismo, editoria e comunicazione di FirstMaster (v. FirstMaster) - Sei libero di pubblicare gratuitamente questo articolo, senza modificarlo e a condizione che tu ne attribuisca la realizzazione all'autore e a FirstMaster (editore).

2 Comments

  1. Pakino

    9 febbraio 2011 at 09:17

    Questa pubblicità è stata vietata prima in spagna e poi anche in italia perchè rappresenta uno stupro di gruppo, infatti lui la tiene bloccata a terra.

  2. Pingback: Stereotipi nella comunicazione, scoprili con Google – Il magazine di FirstMaster

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.