Quotidiani: una crisi di qualità?

di - 11 giugno 2013

Più di un milione di italiani ha smesso di comprare quotidiani. Secondo lo studio della Federazione degli editori (Fieg) “La Stampa in Italia”, nel 2012 le copie di quotidiani vendute sono scese del 6,6% e negli ultimi cinque anni il calo è del 22%: più di un milione di persone ha smesso di comprare il giornale.
Così il 2012 segna il quinto anno consecutivo di dati negativi per l’editoria.
Gli analisti parlano di crisi congiunturale (ci sono meno soldi) e di concorrenza informativa dei siti online (informazione comoda, variegata e gratuita), senza dar peso alla qualità specifica del prodotto editoriale.

Lo stesso giorno dell’allarme Fieg, questa era la prima pagina di Repubblica, secondo quotidiano nazionale: irresistibile, vero?

repubblica-10-giugno-2013-rit

 

 

 

 

 

 

 

Giulia Morese & staff

Link
– Crisi editoria, la qualità unico antidoto.
– La Qualità nell’Informazione.
– Giornalismo di qualità, il decalogo di Peter Kann.

 

Print Friendly

- Redazione

Sei su FirstMaster Magazine - Laboratorio professionale per i corsi online di giornalismo, editoria e comunicazione di FirstMaster (v. FirstMaster) - Sei libero di pubblicare gratuitamente questo articolo, senza modificarlo e a condizione che tu ne attribuisca la realizzazione all'autore e a FirstMaster (editore).

3 Comments

  1. Mus

    11 giugno 2013 at 17:31

    Il titolo di Repubblica è della lunga serie “L’insostenibile leggerezza della stampa”
    Da intendere così:
    L’insostenibile (per noi) leggerezza della stampa

  2. staff

    12 giugno 2013 at 06:29

    Leggi anche
    Giornalismo di qualità: tre esempi sui giornali di oggi
    http://firstmaster.it/giornalismo-di-qualita-tre-esempi-sui-giornali-di-oggi/

  3. Mario Russo

    13 giugno 2013 at 07:36

    I grandi giornali sono infinitamente misericordiosi e non c’è governo zoppicante o inconcludente che non trovi consolazione nella lettura mattutina delle prime pagine. Monti se li era conquistati con geniali invenzioni linguistiche, mandandoli in brodo di giuggiole con il decreto Salvaitalia prima e con il mitico Crescitalia poi. Nemmeno il tempo di constatare che nulla è cresciuto con il Crescitalia, ed eccoci alle prese con la pregevole creatività del governo delle larghe intese: il “decreto del fare”. “Misure per giovani e imprese”, titola il Corriere della Sera. Wow, è fatta! “Pronto il decreto del fare”, conferma Il Mattino. Pronto pronto? “Il governo accelera.
    Entro la settimana”, risponde La Stampa. “Letta accelera”, conferma l’Unità, ma con entusiasmo contenuto: “Entro giugno”. Ma che c’è nel decreto? “Fisco e lavoro, meno vincoli”, assicura Il Messaggero. Il Sole 24 Ore è più ottimista: “Sviluppo, lavoro, giustizia”. Ma non sono tutte le cose che ha già messo a posto il mitico Supermario? Macché, si ricomincia da capo. (Il Fatto, 13/6/13, p. 9)

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.