Saviano: «scrivere è responsabilità»

di - 25 novembre 2013
Roberto-saviano-comunicazione-giornalismo

«Le parole di chiunque scriva oggi, devono fare i conti con un tempo in cui la scrittura – giornalistica e letteraria – godeva di una credibilità per noi invidiabile»

Così scrive Saviano su L’antitaliano, la sua pagina settimanale su L’Espresso.
Come altri, anche lui avverte la perdita di significato delle parole. Di più: «non c’è più la responsabilità della parola», nel senso che la transitorietà della comunicazione ha ridotto al minimo la responsabilità della comunicazione.

Nella gran bazar dell’euforia di una comunicazione che non costa nulla (Facebook, Twitter e tutti gli altri), scrivere è troppo spesso solo, o poco più, di un atto di presenza. «Negli spazi assai limitati di quotidiani e riviste – dice Saviano – trovava posto quello che veniva percepito come necessario e pressoché immutabile. Oggi, invece, l’informazione è continuamente aggiornata e tutto perde il carattere dell’essenzialità, tutto può essere sostituito, contraddetto, smentito dopo poco»

Invece, «scrivere significa assumersi responsabilità. Scrivere è responsabilità. Ormai questo lo sperimenta anche chi non scrive per professione. Prima di scrivere un post su Facebook, ad esempio, che si tratti di un commento a un avvenimento politico o più banalmente all’ultima partita di calcio, si riflette (solo ndr) quel tanto che basta per comprendere se il nostro commento sia davvero necessario. (…)

Talvolta chi scrive per professione sembra dimenticare quanto fondamentale sia comprendere perché si sta scrivendo. E a chi è rivolta la scrittura. (…)
Le mie parole, le parole di chiunque scriva oggi, devono fare i conti con un tempo in cui la scrittura – giornalistica e letteraria – godeva di una credibilità per noi invidiabile. I “canali di approvvigionamento” erano esigui, e quella esiguità rendeva tutto più autorevole.

Recensione a c. di Giorgio Ruffino & staff FirstMaster magazine
Leggi tutto su “Se scompaiono i fatti e le notizie“, Roberto Saviano, L’Espresso, 18/11/13.

 

Print Friendly

- Redazione

Sei su FirstMaster Magazine - Laboratorio professionale per i corsi online di giornalismo, editoria e comunicazione di FirstMaster (v. FirstMaster) - Sei libero di pubblicare gratuitamente questo articolo, senza modificarlo e a condizione che tu ne attribuisca la realizzazione all'autore e a FirstMaster (editore).

Commento

  1. Dumbo

    4 gennaio 2014 at 17:39

    “Scrivere è responsabilità”, dice Saviano. Lo diceva anche Giuseppe Fava nel lontano 1981: “Io ho un concetto etico del giornalismo. Ritengo infatti che in una società democratica e libera quale dovrebbe essere quella italiana, il giornalismo rappresenti la forza essenziale della società.

    Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza e la criminalità, accelera le opere pubbliche indispensabili, pretende il funzionamento dei servizi sociali, tiene continuamente allerta le forze dell’ordine, sollecita la costante attenzione della giustizia, impone ai politici il buon governo.

    Un giornalista incapace – per vigliaccheria o calcolo – della verità si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare, e le sofferenze. le sopraffazioni. le corruzioni, le violenze che non è stato capace di combattere.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.