Self-publishing, intervista a Rossi-RCS

di - 13 novembre 2013
self-publishing

 «L’editore che si adegua al self-publishing abdica di fatto alla propria funzione». 
Questa è l’opinione di Marcello Vena responsabile del business digitale di Rcs Libri. E continua: «è stata illuminante leggere la storia di Hugh Howie che per auto-pubblicare quello che poi è diventato un caso internazionale, ‘Wool, ha ingaggiato professionisti che avevano competenze editoriali che lui, come scrittore, non aveva. Quindi un editor, quindi un graphic designer, quindi un esperto di comunicazione e non ultima un’agente che lo rappresentasse. Ha preso i pezzi dell’editoria che riteneva importanti e si è costruito un editore Ikea».
Resta il fatto, dice, «le strutture pesanti dell’industria – anche quella editoriale – così come l’abbiamo conosciuta sono destinate a cambiare radicalmente. 

L.G. & staff FM

Leggi tutta l’intervista su Affari Italiani: Rossi (Rizzoli): “In 10 anni nell’editoria è cambiato tutto. I fenomeni? Ormai durano pochissimo”.

Print Friendly

- Redazione

Sei su FirstMaster Magazine - Laboratorio professionale per i corsi online di giornalismo, editoria e comunicazione di FirstMaster (v. FirstMaster) - Sei libero di pubblicare gratuitamente questo articolo, senza modificarlo e a condizione che tu ne attribuisca la realizzazione all'autore e a FirstMaster (editore).

2 Comments

  1. Gab78

    14 novembre 2013 at 16:21

    Rossi dice che «l’editore che si adegua al self-publishing abdica di fatto alla propria funzione», ma non è sempre stato “self publishing” quello degli editori che pubblicano a pagamento o con copie assicurate? Erano e sono, praticamente, tipografie senza macchine da stampa (comodo!).
    Rizzoli è una casa editrice che investe sui libri, ma le altre 3.900 su 4.000 cosa investono?

  2. L.Mariani

    15 novembre 2013 at 12:33

    E’ evidente che parla per convenienza.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.