Strutture narrative: ‘In Trance’

di - 24 giugno 2014
Strutture_narrative

Come moltiplicare i colpi di scena in una storia e tenere alta la suspence? Ce lo dimostra il regista Danny Boyle, con “In Trance”.

E’ in programmazione su Sky In trance (thriller, Uk, 2013), del regista Danny Boyle. Dal punto di vista della struttura narrativa, è un film molto interessante perché l’idea di partenza della storia, che è decisamente semplice (così semplice da dover essere rivelata solo negli ultimissimi minuti del film), è trattata con grande tecnica. Tanto che quest’anno In trance ha conquistato la nomination come miglior thriller all’Empire Awards (Londra), dove è il pubblico a votare. 

Gli sceneggiatori, John Hodge e Joe Ahearne, con il montaggio di Jon Harris, hanno scomposto e ricomposto i pezzi della storia in modo tale da moltiplicare i colpi di scena e tenere alta la suspence fino alla fine del film.
Dopo la prima visione, quando si è capita la dinamica dei fatti, si può studiare la sceneggiatura e l’abile incastro narrativo in seconda e terza visione (basta registrarla su l’hard disk di My-Sky).
In trance è uno splendido modello di struttura narrativa e dimostra che nessuna idea è povera se è trattata con passione e con tanto lavoro professionale. 

Gestire una struttura narrativa complessa, come quella di In Trance e molti altri è più facile se si utilizza una timeline. In questo modo è possibile la creazione di flashback e flash forward, prendendo elementi dalla sequenza lineare. 

diagramma-per-storytelling-complesse

Il plot di In Trance – Simon, che lavora in una prestigiosa casa d’aste, si unisce a una banda criminale per trafugare un capolavoro di Goya, venduto all’asta per la fantastica cifra 25 milioni di sterline. Durante il furto, però, Simon viene colpito duramente alla testa e il trauma gli impedisce di ricordare dove ha nascosto il preziosissimo bottino. Poiché nemmeno le torture fisiche sortiscono alcun effetto, il capo della banda, Franck, decide di provare con l’ipnosi. Simon sceglie di farsi curare dall’affascinante dottoressa Elisabeth Lamb, ma più la donna si addentra nella mente dell’uomo più il mistero, anziché dipanarsi, s’infittisce.
Recensione a c. di Carlo Palmieri

Link info:
– film In trance,  (Wikipedia)
– Struttura narrativa (Wikipedia)

.

corso-recensioni-giornalistiche

 

Print Friendly

- Redazione

Sei su FirstMaster Magazine - Laboratorio professionale per i corsi online di giornalismo, editoria e comunicazione di FirstMaster (v. FirstMaster) - Sei libero di pubblicare gratuitamente questo articolo, senza modificarlo e a condizione che tu ne attribuisca la realizzazione all'autore e a FirstMaster (editore).

Commento

  1. Loredana

    27 giugno 2014 at 09:07

    Da “Shakespeare in love”

    «presta attenzione e vedrai come un genio crea una leggenda»

    «permettetemi di spiegare il teatro: la condizione naturale è quella di ostacoli insormontabili sulla via di un imminente disastro»

    «la mia storia parte nel mare….un viaggi pericoloso verso una terra sconosciuta… un naufragio… le acque selvaggie urlano e si sollevano… il coraggioso vascello è fatto a pezzi, e tutte le anime in esso contenute, prive di aiuto, muoiono… tutte tranne una, una donna, la cui anima è più grande dell’oceano… ed il suo spirito più forte dell’abbraccio del mare… non è per lei una fine nell’acqua, ma una nuova vita ha inizio in una riva straniera. Sarà una storia d’amore… perché lei sarà la mia eroina di tutti i tempi. Ed il suo nome… Viola.»

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.