Torna in edicola il Male, la rivista satirica più feroce della Prima Repubblica

di - 26 settembre 2011
il_male_corriere_della_sera

EDITORIA – Torna il 5 ottobre in edicola “Il Male“, a quasi trent’anni dall’ultimo numero.
L’annuncio è stato dato al Festival della satira politica di Forte dei Marmi da due dei fondatori de Il Male: Vauro e Vincino.
Gli ingredienti saranno quella del periodo d’oro, attualizzati: testi dissacranti, interviste finte, vignette feroci.

La prima vita de Il Male

Nella sua prima vita, dal ’77 all’82, “Il male” subì numerosi sequestri e più di cento processi per «diffusione di materiale osceno», «vilipendio», «offese a capo di stato estero» (il Papa).
Del Male si ricordano ancora le finte prime pagine di quotidiani, con titoli demenziali o provocatori. I falsi quotidiani erano resi credibili per l’attenta imitazione dell’impaginazione e la grafica (vedi foto).
Il modello de Il Male era il francese Le Canard enchaîné, che letteralmente significa l’anatra incatenata, ma in realtà allude a notizie senza fondamento (canard in ambito giornalistico vuol dire appunto notizia priva di fondamento). Le Canard enchaîné è un settimanale satirico francese, fondato nel lontano 1915, non ha subito i riflussi letali che hanno colpito sia Il Male che Cuore, altra famosa pubblicazione satirica. Segno che la satira ha vita difficile, in Italia. 

 

Il VernacoliereIl Male

Il Male di Vauro e Vincino dovrà superare una fase sperimentale di sei mesi. Il target di vendita è di 100.000 copie, per proseguire. 
Gli editori sono Aliberti e Monteverdi, azionisti del Il Fatto. Probabilmente saranno chiamati a collaborare anche alcuni collaboratori del Vernacoliere, (testata satirica dialettale, 40.000 copie), che in questi anni ha continuato a pubblicare senza interruzioni, ma con una formula diversa.
Mensile di una trivialità spesso surreale, ha una redazione senza remore e senza censure. Si definisce «un dito nell’occhio dei potenti d’ogni scuderia e d’ogni cilindrata». Insomma: compagni di strada per Il Male 2011.

 

Chi vuole pubblicare su Il Male?

Il Male  torna in un contesto editoriale inimmaginabile negli anni ’80. Ora c’è Internet e il web 2.0.
Sicuramente la nuova redazione diventerà il punto di affluenza di centinaia di contributi da parte di lettori, blogger, giornalisti dalla doppia vita, vignettisti e fotografi. Senza troppa distinzione tra professionisti e dilettanti.
Nell’attesa, potete dare uno sguardo alle copertine storiche de Il Male, affilare le matite e aprire Photoshop.

Link:  Il Male, su Wikipedia.

Antonio Ferrari & staff

 

 

 

Print Friendly

- Redazione

Sei su FirstMaster Magazine - Laboratorio professionale per i corsi online di giornalismo, editoria e comunicazione di FirstMaster (v. FirstMaster) - Sei libero di pubblicare gratuitamente questo articolo, senza modificarlo e a condizione che tu ne attribuisca la realizzazione all'autore e a FirstMaster (editore).

Commento

  1. MariaStar

    26 settembre 2011 at 07:55

    Notizie inventate? Su Internet si possono fare con pochi click su
    http://fakeawish.com/.
    Basta dare un nome famoso e cliccare su un titolo a scelta per avere una pagina d’agenzia (inesistente) con la notizia falsa, completa di foto.
    A questo punto non resta che inviare il link della pagina ai creduloni.

    Simile, ma più versatile
    http://www.in-the-paper.com/
    che compone all’istante una prima pagina, con una discreta scelta di situazioni

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.