Twitter e twoosh per la Tunisia

di - 16 gennaio 2011

Una volta tanto i discorsi sulla comunicazione escono dalle aule universitarie e diventano drammaticamente veri e vissuti.
Così accade in questi giorni in Tunisia, dove Twitter e Facebook, ma anche YouTube, consentono un passaparola impossibile in altro modo e in altri tempi. Il più modesto dei tre, Twitter, con i suoi “twoosh” di 140 caratteri, si è rivelato per gli studenti tunisini il più importante per una comunicazione immediata e a portata di cellulare.

Scrive Carla Rumor su il Fatto: «Ad una velocità che neanche la diretta radiofonica e televisiva può garantire, si srotolano fra le pagine del social network messaggi che raccontano la cronaca di queste giornate, da una parte all’altra del paese e oltre i confini nazionali.
In sei ore, ieri, dopo che il Presidente Ben Ali aveva annunciato la destituzione del governo e le elezioni anticipate, oltre 15.000 tweet sono stati spediti dai tunisini in festa e in rivolta.
Dall’altro lato del mondo, uno dei più importanti blog americani denunciava i media per aver “abbandonato la Tunisia nelle mani di Twitter e di YouTube”».
Grazia Fiore

Print Friendly

- Redazione

Sei su FirstMaster Magazine - Laboratorio professionale per i corsi online di giornalismo, editoria e comunicazione di FirstMaster (v. FirstMaster) - Sei libero di pubblicare gratuitamente questo articolo, senza modificarlo e a condizione che tu ne attribuisca la realizzazione all'autore e a FirstMaster (editore).

2 Comments

  1. Giorgio Russo

    23 gennaio 2011 at 08:13

    Grecia, Tunisia, Albania… Italia?

  2. Sonya67

    7 febbraio 2011 at 12:16

    Egitto!! E poi direi di sì, visti i 10.000 al Palasharp di Milano del 4 febbraio, che ho visto in streaming da Roma! E’ stato realizzato con pochi mezzi grazie a Facebook e Twitter. La comunicazione diffusa, quella non broadcasting (non da uno a tutti, come la tv) è bella democrazia.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.