Un’inchiesta del Guardian accusa Murdoch e il suo Wall Street Journal

di - 27 ottobre 2011
Murdoch scandalo Guardian
Murdoch scandalo Guardian
Nuovo scontro tra il Guardian e Murdoch, accusato di gonfiare le vendite del Wall Street Journal, per alzare i prezzi della pubblicità.
.
.

Il Guardian cerca di ripulire il giornalismo inglese?

Sono passate poche settimane dallo scontro tra il Guardian (il prestigioso quotidiano inglese) e l’impero dei Murdoch, con lo scandalo che ha portato alla chiusura dello storico tabloid News of the World, gestito da Murdoch, e lo scontro si ripete.
.
Questa volta, al centro delle rivelazioni non è un tabloid scandalistico, ma una testata “seria”: il Wall Street Journal, quotidiano di economia e finanza, con importanti influenze sulle Borse di tutto il mondo.
.
Secondo il Guardian, da quando Murdoch ha comprato nel 2007 il Wall Street Journal, le vendite sono state gonfiate con la complicità di uno sponsor. Il Guardian avrebbe le prove che una società olandese, la Executive Learning Partnership, comprava migliaia di copie dell’edizione europea del Wall Street Journal, per distribuirle ai suoi clienti. In cambio, la società riceveva citazioni favorevoli nel giornale. 
Sempre secondo il Guardian, la società olandese “amica” acquistava il 16% dell’intera tiratura del Wall Street Journal europeo, pagando pagava ogni copia solo 1 cent, meno del costo carta.
.
La notizia ha allertato l’Audit Bureau of Circulations  (ABC), che in Gran Bretagna vigila sulla stampa, e che quindi ha deciso di indagare: mentire sulle copie vendute, quindi sul valore della pubblicità, potrebbe configurare il reato di frode o truffa, ai danni degli inserzionisti (ma un po’ anche dei lettori).
.

Promozione commerciale o frode?

Ma non è tutto. Sempre secondo il Guardian, per gonfiare le cifre il Wall Street Journal abusa delle bulk copies, che sono i pacchi di giornali dati a costo carta o gratis a catene alberghiere, compagnie aeree ecc. Il sistema è noto ed è comune in tutto il mondo, anche in Italia.
In questo caso, il passaggio dalla promozione alla frode è nei numeri: il 2-3% della tiratura è promozione, il 20-30% sistematico e non dichiarato può essere  frode.
Ancora una volta Murdoch avrebbe esagerato. Ma probabilmente è l’ultima volta, perché in questi giorni l’ottantenne re dei media sta per essere messo in pensione dai suoi soci.
.
Salvatore Ferrara & staff
.
Su Murdoch e i suoi giornali, vedi anche:
Print Friendly

- Redazione

Sei su FirstMaster Magazine - Laboratorio professionale per i corsi online di giornalismo, editoria e comunicazione di FirstMaster (v. FirstMaster) - Sei libero di pubblicare gratuitamente questo articolo, senza modificarlo e a condizione che tu ne attribuisca la realizzazione all'autore e a FirstMaster (editore).

2 Comments

  1. GMouse

    27 ottobre 2011 at 11:50

    Andrew Langhoff, direttore europeo di Dow Jones, la società che pubblica il Wall Street Journal, si è dimesso: con una serie di pratiche scorrette, il Wall Street Journal “ha gonfiato i numeri della sua distribuzione fino al 41%”, aumentando proporzionatamente le tariffe pubblicitarie.

  2. Alfredo1961

    27 ottobre 2011 at 18:11

    Può servire? Per capire il trucco di Murdoch, può servire capire il gioco di questi 3 termini.

    1) per TIRATURA s’intende il totale delle copie STAMPATE e consegnate alla distribuzione.

    2) Per DIFFUSIONE s’intende il totale delle copie distribuite, e comprende:
    – la diffusione pagata (vendita edicole, abbonamenti a pagamento),
    – le vendite in blocco,
    – gli abbonamenti da quota associativa,
    – la diffusione gratuita (coupons gratuiti, abbonamenti gratuiti, omaggi e… pacchi lasciati nelle stazioni della Metropolitana).

    3) Per COPIE VENDUTE s’intende il totale delle copie… VENDUTE. In genere, le copie effettivamente vendute sono la metà della tiratura. Meglio: il numero delle copie stampate è mediamente doppio della media di quelle vendute. Questo perché è più conveniente mandare al macero copie che lasciare sguarnite le edicole. La tiratura viene decisa dall’editore, in accordo con i distributori. I distributori migliori sono in grado di ridurre gli sprechi, fornendo ad OGNI edicola la quantità giusta di copie: né meno (che sarebbe una perdita di vendite), né troppe (che sarebbe uno spreco). Se la distribuzione lavora bane, l’editore può ridurre lo “spreco” al 30%.

    Spero di essere stato utile.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.