Giornalisti e web, statistiche a sorpresa

763
Tutti gli uomini del presidente

Tutti gli uomini del presidenteSecondo un nuovo sondaggio sull’uso di Internet da parte dei giornalisti, uno degli usi più rari è il podcasting, che pure avrebbe le sue convenienze (più rapido e meno faticoso).
Ma qual è l’uso maggiore? Facebook, Twitter o cos’altro?
Oppure è Google News, alla ricerca di nuove storie da raccontare?
La risposta la fornisce l’Arketi Web Survey 2011, la ricerca sponsorizzata dalla società Arketi di Atlanta (USA).


Ma cosa fanno i giornalisti online?

Secondo questa ricerca, la maggioranza dei giornalisti intervistati usa Internet per leggere le news. Come dire: i giornalisti “si leggono” l’un l’altro, per la maggior parte del tempo. Ma non è tutto, come mostra la tabella.

Arketi media survey

.

Dall’infografica fornita da Arketi, possiamo vedere come i giornalisti utilizzano Internet:

–  Lettura di notizie: 98%
–  Ricerca su fonti di notizie / idee per articoli: 91%
–  Social networking: 63%
–  Micro-blogging: 66%
–  Blogging: 53%
–  Guardando webinar / webcast: 48%
–  Guardare YouTube: 34%
–  Esplorare Wiki: 34%
–  Produrre / ascoltare podcast : 33%
10° –  Social bookmarking: 22%.

 

Dati sorprendenti
L’indagine ha rilevato anche altre informazioni interessanti, come il fatto che il 92% dei giornalisti intervistati sono su LinkedIn, mentre meno della metà ha un proprio blog.
Infine, si è visto anche dove i giornalisti trovano le loro idee per nuovi articoli. Mentre la maggior parte lavora su fonti business (siti e comunicati stampa), ben il 39% degli intervistati ha dichiarato di trovare idee dai siti di social networking, come Facebook o LinkedIn.

Cynthia Hyatt & staff

Nella foto in alto, un’immagine “mitica”: Dustin Hoffman e Robert Redford in “Tutti gli uomini del presidente”. Interpretano due giovani cronisti del Washington Post, Carl Bernstein e Bob Woodward, che sollevarono il caso Watergate, provocando nel 1974 le dimissioni del presidente degli Stati Uniti, Nixon.

Articolo precedenteLibertà di stampa, premio giornalistico Lorenzo Natali
Articolo successivoGiornalismo in diretta video? Basta un Android (tablet)

2 Commenti

  1. Si vede anche da Google che quasi tutti gli articoli di cronaca sono fatti con copia-incolla, senza neanche scomodarsi a cambiare le prime parole, quelle che Google mostra senza pietà, quando cerchi una notizia. E non parlo di blog, parlo anche di giornali.