Scrittori: i cinque peggiori errori dei principianti

1283
errori-di-scrittura

Vuoi sapere quali sono i cinque peggiori errori in cui scrittori possono cadere, all’inizio della loro carriera?

Mark Coker, fondatore di Smashwords, la famosa piattaforma di distribuzione e distribuzione di ebook per editori e per autori indipendenti ha pubblicato un manuale gratuito di marketing per gli scrittori. Nella sezione “errori” ne ha segnalato i più comuni e i più gravi. Eccoli, commentati per la situazione italiana.

Errore n. 1 – Non rispettare il lettore
Alcuni autori, attratti dalla facilità e dalla velocità di pubblicare un ebook, producono i loro ebook in fretta senza i normali passaggi di 3, 4 o 5 bozze di correzione e rifinitura. Non fanno un accurato self-editing. Il risultato? Fama rovinata, poche vendite, pessimo passaparola, il futuro compromesso.

Errore n. 2 – Limitare la distribuzione
Gli autori dovrebbero proporre i loro ebook attraverso più rivenditori, piuttosto che concentrarsi su un solo book store. E anche se ottime vendite provenissero oggi da un singolo rivenditore, non è detto che sarà sempre così, perché il mercato è mobile e molte librerie on line stanno investendo per attrarre lettori in forme diverse dalle principali piattaforme. 

Errore n. 3 – Limitare o non consentire l’anteprima gratuita
Quale lettore sano di mente acquisterebbe un ebook che non può visionare in anteprima? Non sparatevi sui piedi. Gli ebook senza anteprima gratuita vengono addirittura rimossi automaticamente da importanti librerie online.

Errore n. 4 – Essere rinunciatari
Alcuni autori, dopo anni spesi a finire il loro ebook, rinunciano a pubblicarlo perché dicono che è troppo difficile formattare un ebook nelle varie versioni. Se 50 o 100 euro sono l’ostacolo che impedisce la pubblicazione, si può concludere che è probabilmente una forma di selezione naturale, alla Darwin.

Errore n. 5 – Fare lo “scaricabarile”
Alcuni autori, quando i loro ebook non sono all’altezza delle loro stesse aspettative (gonfiate), provano a puntare il dito contro qualcun altro. Qualcuno incolperà il lettore per non aver capito la loro genialità o darà la colpa al suo agente o al suo editore che non ha promosso abbastanza l’ebook. Invece, quello che serve è solo scrivete i migliori ebook possibili, curarli dalla copertina alla sinossi, dalla prima all’ultima pagina fino a che non sono ragionevolmente perfetti. Solo così i lettori ameranno il vostro ebook tanto quanto l’ha amato l’autore.

A c. di Marco Di Giusto e staff FirstMaster