finanziamenti-editoria

Finanziamenti pubblici, grande spreco di oppurtunità

Il grande spreco: dei 73 miliardi di euro disponibili, soltanto il 13% è stato utilizzato.

Passano gli anni, ma resta il grande spreco dei finanziamenti pubblici. Miliardi di risorse finanziarie che restano nel cassetto o ritornano a Bruxelles, a favore di governi e amministrazioni più capaci.

I dati di riepilogo pubblicati dalla Commissione Europea relativa alla “Strategia 2020” sul sostegno all’economia sono impietosi:  dei 73 miliardi di euro dedicati all’Italia (42 miliardi legati a programmi comunitari e 31 a programmi nazionali), soltanto il 13% è stato assegnato a progetti. Ma non tutto è perduto, almeno per il futuro: entro il 2023, i fondi strutturali e di investimento europei metteranno a disposizione 454 miliardi di euro per incrementarne l’economia in genere, le attività produttive e l’occupazione.

Cosa manca? Mancano i bandi di assegnazione e manca l’attenzione dei possibili beneficiari. Infatti, da un lato le amministrazioni emanano pochi bandi o lo fanno troppo tardi, ma dall’altro chi può beneficiarne non si informa, non partecipa e non sollecita (per la felicità delle banche), nonostante tutto quello che serve sia online, tra siti istituzionali e data base. Così si spiega che solo 10 miliardi sui 70 disponibili siano utilizzati. 
G.L.
Vedi: Finanziamenti agevolati e bandi per l’editoria, gratis il corso online di FirstMaster

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento