the-guardian-quotidiano

The Guardian: 400.000 tweet a settimana

The Guardian è il quotidiano più citato su Twitter, con una media 392.358 tweet a settimana, grazie ad un software per i giornalisti: Ophan.

Lo rivela uno studio pubblicato questa settimana dalla piattaforma di ricerca Searchmetrics.
The Guardian utilizza una piattaforma di analisi chiamata Ophan, che rileva il traffico social, i rinvii e altri parametri. Ophan è stato progettato per dare al volo ai giornalisti del Guardian indicazioni sugli interessi del lettori e quindi indirizzare le decisioni editoriali. Non solo, Ophan suggerisce anche le migliori parole-chiave sulle quali sviluppare le notizie.

The Guardian si autodefinisce «principale voce liberale del mondo» in quanto «l’unico quotidiano britannico a diffusione nazionale privo di un proprietario e indipendente rispetto ai partiti politici».
Il Guardian fa parte del Guardian Media Group che a sua volta fa parte dello Scott Trust, una fondazione senza scopo di lucro, che garantisce in perpetuo l’indipendenza editoriale del gruppo e ne sostiene la salute finanziaria, in modo da prevenirne eventuali scalate da parte di altri gruppi che possano comprometterne l’indipendenza (fonte: Wikipedia).
M. Nicodemi

 

Print Friendly, PDF & Email

Un pensiero riguardo “The Guardian: 400.000 tweet a settimana

  1. A proposito di OPHAN
    The Guardian’s in-house analytics platform Ophan was born at a hackday organised by the outlet almost three years ago.
    Its aim was to create a “feedback loop” to make it easier for journalists to see in real-time how changes made to headlines, for example, might affect search traffic to stories.
    Speaking to Journalism.co.uk, Chris Moran, the Guardian’s digital audience editor, explained Ophan was “all about informing decisions around content”.
    An idea central to Ophan, said Moran, was for it to be useful to everyone working at the outlet, something he referred to as the “democratisation of data”.
    Information is designed to be clear and simple to understand so that even the busiest journalists can see at a glance how stories are performing.

Lascia un commento