Storytelling: da Google un video da Oscar della comunicazione

di - 5 dicembre 2013
storytelling-e-video

Da Google, un caso di storytelling e comunicazione d’impresa che farà scuola, per uno splendido video da pochi giorni online.

Dimentica per un momento che il video che stai per vedere è una pubblicità e pensa invece di vedere un cortometraggio breve (3’32”).
Dal 13 novembre ad oggi, 4 dicembre, questo video è stato visto da 9,2 milioni di persone e nell’ambiente della Comunicazione è uno degli argomenti del giorno.

Il soggetto cinematografico è questo: un uomo a Delhi racconta alla nipote del suo amico d’infanzia, Yusuf, che non vede dal 1947, da quando India e Pakistan sono diventate due nazioni distinte e nemiche, dopo scontri sanguinosi.
Nel film, il nonno è uno dei milioni di indù costretti a lasciare il Pakistan e rifugiarsi in India. Un episodio doloroso nella storia dell’India e del Pakistan, con una delle più grandi migrazioni forzate della storia, con milioni di indù che fuggivano dal Pakistan e milioni di musulmani che fuggivano dall’India. Quindi, per gli indiani questa è una storia che tocca politica, religione, geografia, sofferenze e rivalità.

La maggior parte del video non è in inglese (ma è possibile attivare i sottotitoli), perché il video è stato realizzato da Google per il pubblico indiano.

.

.

Il commento

Il video è stato realizzato da Google in India, e il punto, ovviamente, è quello di promuovere Google Search per 1,2 miliardi di persone. Ma rappresenta anche un nuovo livello di quello che può essere fatto in termini di comunicazione e advertising. Perché? Perché il coinvolgimento è elevatissimo e tocca corde emotive universali. La storia è semplice e diretta. La recitazione è da film d’autore, la musica è perfetta, la fotografia è spettacolare.

In breve, questo è un bel pezzo di cinema creato per una grande azienda. Si racconta una storia. Ci sono personaggi reali. C’è un inizio, uno svolgimento e una fine. C’è una grande storia contenuta in un cortometraggio. La cosa sorprendente è che la storia è raccontata in immagini: puoi vedere il video senza sottotitoli, capire ugualmente la storia e commuoverti (pur essendo lontano da quei fatti storici e da quella dedizione per gli anziani).
Google può essere antipatica a molti, come prima la Microsoft o l’Apple. Ma il dato tecnico è che un livello così elevato di comunicazione non si era ancora visto. Ci sono stati video come quelli di Sony, Nike o Levi’s che sono opere d’arte, performance suggestive, ma questo video è un’altra cosa. E’ emozione, è cinema.

Antonello Ruggieri

Print Friendly

- Redazione

Sei su FirstMaster Magazine - Laboratorio professionale per i corsi online di giornalismo, editoria e comunicazione di FirstMaster (v. FirstMaster) - Sei libero di pubblicare gratuitamente questo articolo, senza modificarlo e a condizione che tu ne attribuisca la realizzazione all'autore e a FirstMaster (editore).

5 Comments

  1. Mary

    5 dicembre 2013 at 11:34

    Io avevo appuntato questo video di Google, molto speciale.
    http://www.youtube.com/watch?v=R4vkVHijdQk#t=33

  2. Pingback: Web Tv: gratis la guida all’uso di YouTube per il sociale – Il magazine di FirstMaster

  3. Pingback: Lo storytelling per una comunicazione efficace – Il magazine di FirstMaster

  4. Pingback: Tecniche di storytelling per giornalisti, scrittori e videomaker – Il magazine di FirstMaster

  5. Pingback: Tools per Storytellers - Il magazine di FirstMaster

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.