tecniche-di-scrittura-workshop

Un weekend da scrittori, a Milano

Torna il Weekend Writers & Readers (#WWR14), la due giorni dedicati a scrittura, creatività, lettura, social, network e networking.

La promessa di questa edizione del WWR è di dare ai partecipanti strumenti per pensare fuori dagli schemi, con nuove competenze per progettare storie, sviluppare narrazioni (storytelling), e interagire sui social network, con i lettori.
Promessa credibile, dato il programma di workshop (domenica 30 novembre), che riporto integralmente:

Workshop “Alla sorgente della creatività”
La prima tappa del viaggio è arrivare alla sorgente della creatività: scoprirla, conoscerla, comprenderla, raccontarla, viverla per arrivare ad essere parte di quella stessa sorgente.
In questo tappa scoprirete come pensare fuori dagli schemi e come andare oltre il foglio bianco, imparerete a trovare l’ispirazione quando non arriva e a scoprire l’idea magica che spiazza e conquista.
L’obiettivo principale di questa prima tappa è acquisire dimestichezza con questi concetti: creazione, ideazione, esplorazione, divergenza, quantità, immaginazione. Il workshop è tenuto da Davide Giansoldati e Ivan Ottaviani. Durata 120 minuti circa.

Workshop “Nel fiume delle parole”
Forti delle risorse creative di cui abbiamo fatto scorta, la seconda tappa del nostro viaggio ci porta nel fiume delle parole. In un fiume di parole, di parole ce ne sono tante, tantissime, forse troppe: ne bastano poche per fare la differenza e quelle poche sono come piccole pepite d’oro.
L’abilità più importante in questo workshop sarà la capacità di setacciare il letto del fiume e trovare proprio queste piccole pepite d’oro tra le migliaia di sassi colorati.
L’obiettivo principale di questa seconda tappa è acquisire dimestichezza con questi concetti: scegliere, togliere, scartare, trasformare, evidenziare, colorare. Il workshop è tenuto da Davide Giansoldati e Ivan Ottaviani. Durata 120 minuti circa.

Workshop “Complicare è facile, semplificare è difficile”
Per complicare basta aggiungere, tutto quello che si vuole: colori, forme, azioni, personaggi, ambienti pieni di cose. Tutti sono capaci di complicare. Pochi sono capaci di semplificare. Per semplificare bisogna togliere e per farlo bisogna sapere che cosa togliere, come fa lo scultore quando a colpi di scalpello toglie dal masso di pietra tutto il materiale che c’é in più. Togliere invece che aggiungere vuol dire riconoscere l’essenza delle cose e comunicarle nella loro essenzialità. Un antico detto cinese dice: quello che non si può dire in poche parole, non si può dirlo neanche in molte. Il workshop è tenuto da Gianni Clocchiatti. Durata 50 minuti circa.

Workshop “Il personaggio-maschera: come dare credibilità alle proprie storie”
Un laboratorio incentrato sulla caratterizzazione dei personaggi. L’obiettivo è cogliere l’essenza del messaggio da essi trasmesso e imparare a disegnare con linee precise caratteri pulsanti e coerenti con se stessi e con tutto ciò con cui interagiscono e che in ogni istante accade nel racconto.
Lo strumento di lettura caratteriale utilizzato è l’Enneagramma, attraverso l’impiego di spezzoni selezionati di film e la discussione aperta. Il workshop è tenuto da Maura Amelia Bonanno. Durata 50 minuti circa.

Unica nota dolente: il costo, che per la frequenza ai 4 workshop è di 299 euro.
A.L.

Info: Weekend Writers & Readers.

Print Friendly, PDF & Email

Un pensiero riguardo “Un weekend da scrittori, a Milano

Lascia un commento